Annata 2014 a Donnafugata. Vendemmia 2014 a Pantelleria

Annata 2014 a Donnafugata. Vendemmia 2014 a Pantelleria

Vigneti e Cantine

Una grande annata per lo Zibibbo e l’alberello pantesco

 

L’andamento climatico

L’andamento climatico registrato a Pantelleria dal 1 Ottobre 2013 al 30 Settembre 2014 è stato piuttosto regolare, con precipitazioni leggermente più basse (488 mm) rispetto (516 mm) all’annata 2013. Le temperature in media sono state più basse, come nel resto della Sicilia, con un clima stabile e moderatamente caldo.

 

Questa è stata la cornice della vendemmia 2014 sull’isola di Pantelleria, che ha registrato  un piccolo incremento di produzione rispetto al 2013, soprattutto in alcune contrade, quantificato intorno al 10%. Le uve hanno raggiunto la maturazione con qualche giorno di ritardo, presentandosi perfettamente sane ed integre. Donnafugata ha iniziato la vendemmia nella contrada di Martingana il 18 di agosto, con le uve destinate all’appassimento al sole e al vento dell’isola: un processo che in media richiede dalle 3 alle 4 settimane. La vendemmia si è conclusa il 25 settembre.

 

Le interazioni tra suolo, esposizione, vicinanza al mare ed età delle piante (con alcuni vigneti di età superiore ai 100 anni) determinano una scalarità di maturazione tra le 12 contrade nelle quali Donnafugata coltiva lo Zibibbo. Questo comporta, pur essendo Pantelleria una piccola isola, un protrarsi della vendemmia per circa 40 giorni.

 

“Le condizioni per la vendemmia 2014 – spiega Antonio Rallo, responsabile della produzione di Donnafugata – sono state più che ottimali. I vigneti hanno goduto di un clima stabile e moderatamente caldo. Siamo dinanzi ad una vendemmia di rilievo: uve sane e perfettamente mature con un profilo aromatico ricco e di grande complessità. Anche l’appassimento si è concluso nel migliore modi e la diraspatura manuale, operazione che richiede grande attenzione, ha portato in cantina uve appassite perfettamente diraspate e ulteriormente selezionate. Una vendemmia eccezionale per celebrare la candidatura dell’alberello pantesco a Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.”

 

Il quadro climatico e i principali interventi colturali nei diversi contesti viticoli di Pantelleria

 

Sotto il profilo agronomico e viticolo, l’andamento climatico ha favorito il germogliamento e la fioritura delle piante di Zibibbo nei mesi di aprile e maggio.

Al contrario dello scorso anno durante l’ultima vendemmia non si sono verificati danni dovuti allo scirocco: infatti soffiando nel corso della fioritura, questo vento può determinare una minore produzione soprattutto in alcune contrade.

A giugno si è effettuata la cimatura dei tralci per favorire l’emissione di nuove foglie fisiologicamente attive nella successiva fase di maturazione delle uve.

Nel mese di luglio è avvenuta una regolare invaiatura.

 

I vigneti di Donnafugata a Pantelleria – una superficie complessiva di 68 ettari distribuiti su tutta l’isola – rappresentano un modello di viticoltura eroica, caratterizzata da terrazzamenti, muretti a secco e tanto lavoro manuale. Nella cantina di Khamma le singole partite di Zibibbo sono state lavorate separatamente, valorizzando le peculiarità di questi contesti viticoli. La vendemmia è iniziata nelle contrada Martingana ed è proseguita nelle altre contrade di Bukkuram, Khamma, Favarotta e Bugeber (contrade leggermente più elevate con esposizione per lo più ad est) con la raccolta delle uve da appassire e di quelle destinate ai mosti per la produzione del Ben Ryé, il pluridecorato Passito di Pantelleria.

A settembre si è raccolto nei vigneti di Barone (contrata sita nell’entroterra dell’isola, particolarmente elevata rispetto al livello del mare, esposta ad est), le cui uve provenienti dai vigneti giovani vengono utilizzate per la produzione del Lighea, lo Zibibbo secco di Donnafugata, mentre le uve dei vigneti storici (50-60 anni) costituiscono la base dei vini dolci, Kabir (Moscato di Pantelleria) e Ben Ryé.

La vendemmia  si è conclusa  nell’ultima settimana di settembre nelle contrade di Mueggen, Gibbiuna e Ghirlanda (più fresche e tardive) con la raccolta delle uve destinate al Lighea.

 

Ufficio Stampa: Nando Calaciura calaciura@granviasc.it cell. 338 3229837
Pubbliche Relazioni: Baldo M. Palermo baldo.palermo@donnafugata.it tel. 0923 724226