Cantine Aperte a Donnafugata: pane, olio e vino per la bio-diversità

Cantine Aperte a Donnafugata: pane, olio e vino per la bio-diversità

Vigneti e Cantine

Domenica 29 Maggio presso le Cantine storiche di Marsala, di scena i vini dell’azienda e l’arte della panificazione di Franco Vescera, appassionato custode dei grani antichi siciliani.Bio-diversità e bere-bene: omaggio a Giacomo Rallo, il fondatore di Donnafugata improvvisamente scomparso lo scorso 10 maggio, grande promotore della cultura del vino di qualità.

E’ un classico da non perdere, quello di Cantine Aperte a Donnafugata. Ogni anno l’azienda siciliana ha abituato i suoi fan ad “immergersi” in un’esperienza ricca di contenuti enologici e non solo, mettendo a fuoco i valori della propria filosofia produttiva.

Quello della bio-diversità, di cui si è appena celebrata la Giornata Mondiale, è il tema presentato dall’azienda in questa edizione di Cantine Aperte, la prima dopo l’improvvisa scomparsa di Giacomo Rallo, fondatore di Donnafugata e figura di spicco del vino italiano.

Russello, Tumminìa ed altri ancora sono gli antichi grani siciliani che Franco Vescera, appassionato panificatore in quel di Carlentini (Siracusa), presenterà attraverso la preparazione live di filoni, pagnotte e fantasiose sculture di pane. Un lavoro, quello della famiglia Vescera, lontana dalle logiche di omologazione che privilegiano le quantità. L’abbinamento ideale con il pane sarà quello con il Milleanni, di Donnafugata, l’olio extra-vergine ottenuto dalle cultivar Nocellara del Belice, Biancolilla, Cerasuola e Pidicuddara.

Dal campo alla tavola, quindi, nel nome della bio-diversità, un tema che vede Donnafugata impegnata da anni, attraverso la valorizzazione di vitigni autoctoni quali Catarratto, Ansonica, Grillo, Grecanico, Nero d’Avola, e di varietà reliquia, quasi del tutto scomparse: 19 varietà per un totale di 30 biotipi coltivati in un campo sperimentale nella Tenuta di Donnafugata, nel cuore della Sicilia occidentale, in collaborazione con l’Assessorato Regionale Agricoltura. Studi e ricerche che guardano al passato per disegnare il vino del futuro.

Dei vini prodotti a Pantelleria e a Contessa Entellina, saranno oltre 20 le etichette in degustazione in occasione di Cantine Aperte; teatro di questo connubio, le Cantine storiche di Marsala, in Via Sebastiano Lipari, che domenica 29 maggio, dalle ore 10 alle 18, si apriranno al pubblico per raccontare una Sicilia autentica e meravigliosa.

Come da programma, l’universo Donnafugata si andrà ad esplorare a partire dalla visita della cantina, ripercorrendo la storia di una famiglia giunta alla quinta generazione di impegno produttivo. Cantine dove si respira un fare sartoriale che dà vita a vini capaci di convincere e rendere felici chi li assaggia.

Cantine Aperte 2016 sarà inoltre l’occasione per proporre le nuove Collezioni Donnafugata. Un modo nuovo di presentare una gamma eclettica, all’interno della quale è sempre possibile trovare un vino per ogni desiderio e per ogni momento.

 Al desiderio di Esclusività risponde la Collezione Vini Icona che comprendeMille e una Notte e Ben Ryé; bottiglie di pregio che trovano una sponda nella partnership con Paola Lenti, realtà del design italiano tra le più apprezzate a livello internazionale; due splendidi tappeti, simbolo del fare sartoriale di Paola Lenti, saranno in mostra lungo il percorso di visita, per richiamare l’artigianalità che allo stesso modo dà vita a questi due vini portabandiera di eccellenza.

Alla voglia di Fascino corrisponde la Collezione Eleganza Mediterranea; al desiderio di Sintonia risponde la Collezione Versatili di Carattere. Infine per chi cerca il Buonumore ci sono i Freschi & Fruttati che colorano la giornata e rappresentano un momento di svago e leggerezza. Proprio alle Collezioni è dedicato un Personality quiz che gioca a scoprire la Collezione a cui si sente di appartenere.

Una chicca per veri intenditori è quella dedicata alla degustazione di alcune vecchie annate di Chiarandà, Tancredi, Mille e una Notte e Ben Ryé, per scoprire l’evoluzione di vini destinati a sfidare il tempo.

Come da tradizione di Cantine Aperte a Donnafugata, gli appassionati potranno infine mettersi alla prova degustando alla cieca una batteria di 10 vini con l’obiettivo di riconoscerli; con almeno 5 vini azzeccati, ci si potrà fregiare del titolo di Enologo Doc 2016.

Benvenute come sempre le famiglie con bambini; a quest’ultimi Donnafugata regala un’animazione tutta acqua e farina, con i laboratori di manipolazione della pasta di pane. Coinvolgente per tutti la musica dal vivo dei Dixiedoo.

Prenotazioni: tel. 0923 724245 o visitare@donnafugata.it; ticket di 12 euro per la degustazione di tutti i vini; special ticket in pre-vendita a 10 euro su visit.donnafugata.it; caparra bicchiere a 5 euro.

Ufficio Stampa: Nando Calaciura
calaciura@granviasc.it; cell. 338 3229837

Pubbliche Relazioni: Baldo M. Palermo
baldo.palermo@donnafugata.it; tel. 0923 724226