Vinitaly, tappa obbligata al Ben Ryé - Donnafugata
Paese e lingua
Chiudi
Austria - €
EN DE
Belgium - €
EN DE
France - €
EN
Germany - €
DE
Italy - €
IT
Netherlands - €
EN
Spain - €
EN
Switzerland - CHF
EN DE
United Kingdom (UK) - £
EN
United States (US) - $
EN

Spediamo solo nei paesi elencati. Se il tuo paese non è tra questi, scopri il sito internazionale:

Other Countries
IT EN DE

Vinitaly, tappa obbligata al Ben Ryé

Il Passito di Pantelleria di Donnafugata è tra i più richiesti alla kermesse veronese; un’icona dell’enologia italiana nel mondo, per la critica ed il pubblico. Cinque diverse annate in assaggio tra Opera Wine e lo stand dell’azienda.

Trade, giornalisti e appassionati presenti a Verona pianificano con cura eventi e degustazioni da non mancare; tra questi vi è un assaggio in programma sull’agenda dei più, ed è quello del Ben Ryé, vera tappa obbligata di Vinitaly.

Si comincia con Opera Wine sabato 9 aprile al Palazzo della Gran Guardia, dove insieme al meglio del vino italiano selezionato da Wine Spectator, vi sarà il Ben Ryé dell’annata 2010.

Il 10 aprile si apriranno poi i cancelli della Fiera per il 50° Vinitaly, un traguardo importante che sarà sottolineato dalla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella; e da questo momento Ben Ryé sarà richiestissimo – come da anni a questa parte – con oltre 100 bottiglie stappate ogni giorno, un vero record per un vino dolce.

Di questo vino icona dell’eccellenza italiana, allo stand Donnafugata(padiglione 2) saranno presenti altre quattro annate: 2005, 2008 edizione limitata, 2013 e 2014. L’azienda siciliana vuole così gratificare operatori e appassionati per i quali Ben Ryé è un vino del cuore che risponde al desiderio di un assaggio esclusivo, unico e memorabile.

Un successo che mette d’accordo anche i critici: “un vino da knock-out” per Monica Larner di Wine Advocate che ha recentemente raccontato la longevità del Ben Ryé attraverso una verticale di 22 annate; “un vino che ti gioca lo scherzo di essere allo stesso tempo super-concentrato e leggiadro” secondo Ian d’Agata su Vinous; “sole e albicocche” per Luca Gardini che lo ha inserito nella sua Top 50 vini del mondo così come pochi anni fa Wine Enthusiast lo ha inserito nella propria Top 100; menzioni e riconoscimenti anche sui siti di Jancis Robinson e James Suckling, che tutti insieme permettono di inserire il Ben Ryé ai vertici dei vini dolci del mondo insieme ai migliori Sauternes francesi, Tokaj ungheresi e Icewine.

“A Pantelleria – afferma Antonio Rallo winemaker dell’azienda di famiglia – siamo impegnati su 68 ettari di vigneto, dislocati in 14 differenti contrade; la vigna è coltivata su terrazzamenti, con il tipico sistema dell’alberello pantesco, dichiarato da poco più di un anno patrimonio Unesco; il passito Ben Ryè è un simbolo di viticultura eroica così come di un processo produttivo di sapiente artigianalità: appassimento naturale dell’uva fresca su graticci, sgrappolatura manuale dell’uva passa e vinificazione condotta a regola d’arte. Il Ben Ryé è frutto di un fare sartoriale che porta la massima espressione del territorio nel bicchiere ed è capace di convincere e rendere felici chi lo assaggia. Un vino di cui siamo orgogliosi e che ripaga le nostre fatiche.”

 

Ufficio Stampa: Nando Calaciura
calaciura@granviasc.it; cell. 338 3229837

Pubbliche Relazioni: Baldo M. Palermo
baldo.palermo@donnafugata.it; tel. 0923 724226

  • 4_Com_St_2016_03_25_BenRye.pdf
Condividi questo articolo
Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con chi vuoi.

Iscriviti alla nostra newsletter
Resta aggiornato sugli eventi, storie e offerte esclusive.
Iscriviti e resta aggiornato
Torna in alto
Spedizioni e resi
Italia: 1-2gg | worldwide: 3-20gg
Reso entro 14gg
Spedizione e resi
Modalità di pagamento
Paypal Mastercard Maestro Amex Visa Postepay
Maggiori informazioni
FAQ
Trovi qui le risposte alle domande
poste più frequentemente
Domande frequenti
Contatti
In cosa possiamo aiutarti?
Ti risponderemo entro 48h.
Entra in contatto