Biancomangiare di mandorle di Noto - Donnafugata
Paese e lingua
Chiudi
Austria - €
EN DE
Belgium - €
EN DE
France - €
EN
Germany - €
DE
Italy - €
IT
Netherlands - €
EN
Spain - €
EN
Switzerland - CHF
EN DE
United Kingdom (UK) - £
EN
United States (US) - $
EN

Spediamo solo nei paesi elencati. Se il tuo paese non è tra questi, scopri il sito internazionale:

Other Countries
IT EN DE
Ricette

Biancomangiare di mandorle di Noto

Tempo
30 minuti
Difficoltà
medium
Ingredienti (4 persone)
(4 persone)
150 gr di mandorle di Noto
30-35 gr di amido di frumento
500 gr di zucchero semolato

Tritate finemente 125 grammi di mandorle. Intiepidite tre decilitri d’acqua, aggiungetevi lo zucchero e l’amido e ammollatevi le mandorle tritate. Dopo mezz’ora circa passate tutto in un panno di lino che strizzerete più volte. Ponete sul fuoco il composto ottenuto e portate a ebollizione. Versate in stampi da budino e tenete in frigorifero per qualche ora. Capovolgete la crema su piattini e guarnite il biancomangiare con pezzetti di mandorla.

Curiosità

Antica ricetta territoriale che Corrado Assenza, maestro pasticciere del Caffè Sicilia di Noto, continua a riproporre fedelmente, usando, per inciso, mandorle coltivate da produttori aderenti al locale Presidio Slow Food.

In Sicilia il biancumanciari ha sempre indicato una crema bianca a base di latte di mandorla o, successivamente, anche un budino con latte ovino o bovino. Quello classico è comunque il dolce, un tempo diffusissimo nelle famiglie e descritto in questa ricetta. Tra le versioni casalinghe, frequente l’aggiunta della buccia di limone mentre il composto si addensa sul fuoco, buccia da eliminare prima di versare la crema negli stampi.

A proposito di stampi, quelli tipici per il biancomangiare e per altri dolci al cucchiaio siciliani erano le formelle di terracotta, variamente decorate, fabbricate in particolare a Caltagirone (Catania). In gastronomia, il termine biancomangiare compare già nei ricettari medievali ma per indicare una pietanza ben diversa, spesso presente sulle tavole signorili in tutto il periodo rinascimentale e oltre.

Ad esempio, nel Libro della cocina della seconda metà del Trecento (conservato presso la biblioteca universitaria di Bologna), sotto il titolo De’ blanmangieri è descritta la preparazione di un piatto a base di petti di gallina lessi, farina di riso stemperata con latte di capra o di pecora o di mandorle, zenzero, lardo e zucchero: tutti ingredienti bianchi.


Abbinamenti 

Un delizioso dessert, ottimo se accompagnato da un vino dolce come Kabir, il Moscato di Pantelleria dai sentori floreali di zagara, o Ben Ryè, il Passito di Pantelleria dalle innumerevoli sensazioni fruttate, straordinariamente fresco.


Condividi questo articolo
Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con chi vuoi.

Iscriviti alla nostra newsletter
Resta aggiornato sugli eventi, storie e offerte esclusive.
Iscriviti e resta aggiornato
Le altre ricette...
Hamburger di manzo
Cabbuci trapanesi
‘Mpanata con le alici
Torna in alto
Spedizioni e resi
Italia: 1-2gg | worldwide: 3-20gg
Reso entro 14gg
Spedizione e resi
Modalità di pagamento
Paypal Mastercard Maestro Amex Visa Postepay
Maggiori informazioni
FAQ
Trovi qui le risposte alle domande
poste più frequentemente
Domande frequenti
Contatti
In cosa possiamo aiutarti?
Ti risponderemo entro 48h.
Entra in contatto