Vendemmia 2006: maturazione perfetta delle uve, bianchi aromatici, rossi fruttati ed eleganti - Donnafugata
Paese e lingua
Chiudi
Austria - €
EN DE
Belgium - €
EN DE
France - €
EN
Germany - €
DE
Italy - €
IT
Netherlands - €
EN
Spain - €
EN
Switzerland - CHF
EN DE
United Kingdom (UK) - £
EN
United States (US) - $
EN

Spediamo solo nei paesi elencati. Se il tuo paese non è tra questi, scopri il sito internazionale:

Other Countries
IT EN DE

Vendemmia 2006: maturazione perfetta delle uve, bianchi aromatici, rossi fruttati ed eleganti

 

In uscita a novembre le annate 2005 di Chiarandà e Ben Ryé

 

Marsala, 23 Ottobre 2006. Donnafugata ha iniziato la vendemmia 2006 a Pantelleria il 17 Agosto e a Contessa Entellina il 22 agosto, all’incirca come negli ultimi due anni, ma leggermente in ritardo rispetto alla media: a Contessa Entellina le uve di Chardonnay sono le prime ad essere raccolte, di notte, per preservarne il corredo aromatico e per garantire un notevole risparmio energetico nella fase di raffreddamento delle uve; a Pantelleria, dove i vigneti sono localizzati in 11 diverse contrade e dove quest’anno Donnafugata ha inaugurato la nuova cantina di vinificazione in contrada Khamma, la raccolta è iniziata nei vigneti di Punta Karace, Arco dell’Elefante e Martingana, tipicamente precoci rispetto a quelli situati nelle altre aree dell’isola.

In Sicilia l’estate non è stata eccessivamente calda. La vendemmia nelle tenute di Contessa Entellina è iniziata dopo i quattro giorni più caldi dell’estate che hanno determinato una forte accelerazione nella maturazione delle uve.

La primavera è stata caratterizzata da piogge abbondanti rispetto alle medie stagionali, concentrate tra fine aprile e inizio maggio: tra il 29 aprile e il 5 maggio le precipitazioni hanno raggiunto i 50 mm, valore significativo per l’isola.

L’annata si presentava più abbondante rispetto alla media e le rese sono state quindi ridotte con ripetuti diradamenti, al fine di garantire un migliore equilibrio produttivo e l’ideale maturità aromatica.

Il team tecnico, guidato da Antonio Rallo, l’agronomo della “famiglia Donnafugata” responsabile della produzione, si prepara ad ottenere dal raccolto 2006 vini bianchi molto profumati e vini rossi di buon corpo e fruttati. Tra i vitigni autoctoni, il Nero d’Avola ha goduto quest’anno di condizioni climatiche ottimali, che ne hanno messo in evidenza il frutto; lo Zibibbo, grazie ad una forte escursione termica tra giorno e notte sull’isola di Pantelleria,  presenta una carica aromatica eccezionale.

E sono proprio il Nero d’Avola e lo Zibibbo di Pantelleria i protagonisti dei riconoscimenti che Donnafugata, anche quest’anno, sta raccogliendo sulle guide dei vini italiani. Il Mille e una Notte 2003 – già insignito delle Super Tre Stelle Blu ne “I Vini di Veronelli” 2006 – conquista i Tre Bicchieri di “Vini d’Italia Gambero Rosso Slow Food”. Il Ben Ryé 2005 Passito di Pantelleria è stato giudicato come uno dei tre migliori vini dolci italiani nella Guida di Luca Maroni e ha anche ricevuto i 5 Grappoli della Guida “Duemilavini” di Bibenda e A.I.S..

 

Dai primi di novembre saranno distribuiti nei ristoranti, nelle enoteche e nei wine bar in Italia e all’estero, le annate 2005 di Chiarandà e Ben Ryé.

CHIARANDA’ 2005 – Alcol: 14,16 % vol.; Acidità totale: 5,63 g/l.; pH: 3,41.

Anche per l’annata 2005 il Chiarandà – la cui prima annata era stata quella del 1992 – propone il proprio tradizionale uvaggio di Ansonica e Chardonnay, 50% e 50%. Lo Chardonnay è stato vendemmiato dal 20 agosto all’8 settembre, l’Ansonica dall’8 al 16 settembre. Le epoche di maturazione delle uve sono state monitorate con un numero elevatissimo di campionamenti e assaggi, permettendo così di decidere il “cogli l’attimo” ideale per la raccolta in ciascuna porzione di vigneto.

A fermentazione avvenuta, il vino è stato maturato sul feccino nobile, per metà in piccole vasche di cemento e per metà in 22 tipologie diverse di rovere francese per rispettare al massimo le caratteristiche varietali. Le barrique utilizzate differivano per fabbricante, zona di provenienza del legno, metodi e intensità della tostatura. Per il territorio di Contessa Entellina, l’annata è tra le migliori della sua storia e il Chiarandà 2005 ne sarà un testimonial d’eccezione: un vino con buona acidità, dalla forte personalità e dall’estrema raffinatezza. Il matrimonio tra la polpa dello Chardonnay e l’eleganza dell’Ansonica, dà vita ad una rara complessità. Grande longevità all’orizzonte.

BEN RYE’ 2005 -Alcol: 14,11% vol.; Acidità totale: 7,61 g/l.; Zuccheri residui: 192 g/l.

Quella del 2005 è stata un’annata fresca e piovosa. A Pantelleria, la vendemmia dello Zibibbo è iniziata il 16 di agosto nelle contrade più precoci come “Martingana” e “Dietro l’Isola”.

Molto intenso all’olfatto e ricchissimo di polpa, il Ben Ryé 2005 – la cui prima annata era stata quella del 1989 – propone un trionfo di agrumi, albicocca, e sentori di miele. Ideale l’equilibrio zuccheri-alcol-acidi che lo rendono di piacevolissima beva, e fortissima la personalità che lo rende inconfondibile: il Ben Ryé 2005 ha una profondità ed ampiezza memorabile. Prevedibile una grande longevità.

 

 

 

Ufficio Stampa: Nando Calaciura calaciura@granviasc.it cell. 338 3229837

Pubbliche Relazioni: Baldo M. Palermo baldo.palermo@donnafugata.it tel. 0923 724226

 

  • Com-St-06-10-23-Vendemmia06_ITA-1.pdf
Condividi questo articolo
Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con chi vuoi.

Iscriviti alla nostra newsletter
Resta aggiornato sugli eventi, storie e offerte esclusive.
Iscriviti e resta aggiornato
Torna in alto
Spedizioni e resi
Italia: 1-2gg | worldwide: 3-20gg
Reso entro 14gg
Spedizione e resi
Modalità di pagamento
Paypal Mastercard Maestro Amex Visa Postepay
Maggiori informazioni
FAQ
Trovi qui le risposte alle domande
poste più frequentemente
Domande frequenti
Contatti
In cosa possiamo aiutarti?
Ti risponderemo entro 48h.
Entra in contatto