Cavatelli con salsiccia e pomodoro fresco - Donnafugata
Paese e lingua
Chiudi
Austria - €
EN DE
Belgium - €
EN DE
France - €
EN
Germany - €
DE
Italy - €
IT
Netherlands - €
EN
Spain - €
EN
Switzerland - CHF
EN DE
United Kingdom (UK) - £
EN
United States (US) - $
EN

Spediamo solo nei paesi elencati. Se il tuo paese non è tra questi, scopri il sito internazionale:

Other Countries
IT EN DE
Ricette

Cavatelli con salsiccia e pomodoro fresco

Tempo
60 minuti
Difficoltà
medium
Ingredienti (4 persone)
(6 persone)
Per la pasta:
800 gr di semola di grano duro
1 uovo
sale q.b.
Per il condimento:
400 gr di salsiccia aromatizzata con finocchietto e peperoncino
400 gr di pomodori da sugo
2 spicchi d'aglio
1 ciuffetto di menta fresca
1 bicchiere di vino bianco secco
cacio ragusano grattugiato (facoltativo)
2 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale

Su una spianatoia sistemate la farina a fontana e mettete al centro l’uovo e un pizzico di sale. Impastate, versando poco a poco circa quattro decilitri d’acqua, fino a ottenere un impasto morbido ma piuttosto consistente. Lavorate con le mani e ricavate dei lunghi cilindri dello spessore di un dito, che taglierete a tocchetti di circa un centimetro. Passate ognuno dei pezzetti di pasta sull’apposita tavoletta di legno rigata (in mancanza potete usare una forchetta) premendo col dito per creare l’incavo da cui prendono nome.
Lasciate riposare i cavatelli per un paio d’ore su un piano leggermente infarinato.

In un capace tegame fate rosolare nell’olio l’aglio schiacciato. Aggiungete la salsiccia sbriciolata e, dopo qualche minuto, a fuoco vivace sfumate con il vino. Quando sarà evaporato, versate i pomodori ridotti a cubetti e cuocete per altri cinque minuti. In ultimo unite le foglioline di menta e aggiustate di sale.

Lessate e scolate la pasta, versatela nel tegame con il sugo e fate insaporire per qualche minuto, aggiungendo eventualmente qualche cucchiaio dell’acqua di cottura della pasta. Facoltativa una spolverata finale con cacio ragusano.

Curiosità

Questo tipo di pasta fatta in casa, diversa dai comuni gnocchetti, è tradizionale nell’area iblea del Siracusano e del Ragusano, nelle province di Enna e Caltanissetta e nell’Agrigentino. Cavatelli è il nome italianizzato: in dialetto si chiamano cavateddi o cavatieddi e, a Ragusa, anche cavasuneddi. Nel suo locale di Palazzolo Acreide, Andrea Alì li propone sia col classico sugo di maiale, sia nel modo descritto nella ricetta: pomodoro fresco, menta e una particolare salsiccia di suino locale, aromatizzata con finocchietto selvatico e peperoncino. Si usa condire i cavateddi anche con un ragù di carne, oppure con pomodoro, melanzane e ricotta salata, o ancora con i broccoli.


Abbinamenti 

Un primo piatto succulento da abbinare a due rossi di media struttura: Fragore, il cru dell’Etna dalla spiccata mineralità, o Angheli, il blend di Merlot e Cabernet Sauvignon con un morbido tannino.


Condividi questo articolo
Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con chi vuoi.

Iscriviti alla nostra newsletter
Resta aggiornato sugli eventi, storie e offerte esclusive.
Iscriviti e resta aggiornato
Le altre ricette...
Melanzane ripiene
Fegato alla veneziana
Spalla di Suino Nero dei Nebrodi ai pistacchi di Bronte
Torna in alto
Spedizioni e resi
Italia: 1-2gg | worldwide: 3-20gg
Reso entro 14gg
Spedizione e resi
Modalità di pagamento
Paypal Mastercard Maestro Amex Visa Postepay
Maggiori informazioni
FAQ
Trovi qui le risposte alle domande
poste più frequentemente
Domande frequenti
Contatti
In cosa possiamo aiutarti?
Ti risponderemo entro 48h.
Entra in contatto