Ben Ryé

Un vino dolce italiano tra i più apprezzati nel mondo

Ben Ryé

Ottenuto da uve Zibibbo, da viti coltivate ad “alberello pantesco” riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità”. Di colore ambra brillante, Ben Ryè 2014 sorprende per freschezza e complessità. Il bouquet è intenso e fragrante: ai tipici aromi di albicocca e di scorza di agrumi candita si uniscono sentori balsamici di macchia mediterranea e note dolci di miele e fico fresco. In bocca è nitido e intenso, con una piacevole dolcezza ben bilanciata da una fresca vena acida e da una vivace sapidità. Chiude una lunghissima persistenza. Un passito di Pantelleria ammaliante, tra i vini dolci italiani più apprezzati al mondo.

Denominazione

Passito di Pantelleria DOC

Zona di produzione

Sicilia Sud Occidentale - Isola di Pantelleria

Riconoscimenti recenti

  • Vino Slow
  • 93 pts
  • 95 pts
  • Tre Bicchieri

A tavola

con anatra caramellata, formaggi erborinati, foie gras, pasticceria secca e cioccolato d’autore. Straordinario da solo, come vino da meditazione

Ottimo a 14°C°

Annata metereologica

2014

Raccolta

Raccolta manuale in cassette con attenta selezione delle uve in vigna.

Resa per ettaro

40-50 q

Vinificazione

Fermentazione in acciaio a temperatura controllata; al mosto in fermentazione si aggiunge - a più riprese - l’uva passa sgrappolata a mano e selezionata. Durante la macerazione l’uva passa rilascia il suo straordinario patrimonio di dolcezza, freschezza e personalissima aromaticità.

Affinamento

7 mesi in vasca 12 mesi in bottiglia

Alchool e dati analitici

alcol: 14.40%
acidità totale: 7.9 g/l
pH: 3.72

Residuo zuccherino

199 g/l

Longevità

Oltre 30 anni.

Prima annata

1989

Metodo

Ben Ryé

Ben Ryé

Un vino dolce italiano tra i più apprezzati nel mondo


Ottenuto da uve Zibibbo, da viti coltivate ad “alberello pantesco” riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità”. Di colore ambra brillante, Ben Ryè 2014 sorprende per freschezza e complessità. Il bouquet è intenso e fragrante: ai tipici aromi di albicocca e di scorza di agrumi candita si uniscono sentori balsamici di macchia mediterranea e note dolci di miele e fico fresco. In bocca è nitido e intenso, con una piacevole dolcezza ben bilanciata da una fresca vena acida e da una vivace sapidità. Chiude una lunghissima persistenza. Un passito di Pantelleria ammaliante, tra i vini dolci italiani più apprezzati al mondo.

A tavola

con anatra caramellata, formaggi erborinati, foie gras, pasticceria secca e cioccolato d’autore. Straordinario da solo, come vino da meditazione

Ottimo a 14°C°

Denominazione

Passito di Pantelleria DOC

Varietà


Zona di produzione

Sicilia Sud Occidentale - Isola di Pantelleria

I premi

  • Vino Slow
  • 93 pts
  • 95 pts
  • Tre Bicchieri

Annata metereologica

2014

Vendemmia

Raccolta manuale in cassette con attenta selezione delle uve in vigna.

Resa per ettaro

40-50 q

Vinificazione

Fermentazione in acciaio a temperatura controllata; al mosto in fermentazione si aggiunge - a più riprese - l’uva passa sgrappolata a mano e selezionata. Durante la macerazione l’uva passa rilascia il suo straordinario patrimonio di dolcezza, freschezza e personalissima aromaticità.

Affinamento

7 mesi in vasca 12 mesi in bottiglia

Residuo zuccherino

199 g/l

Alchool e dati analitici

alcol: 14.40%
acidità totale: 7.9 g/l
pH: 3.72

Longevità

Oltre 30 anni.

Prima annata

1989

Processo produttivo

Il Ben Ryé è il frutto di un pedoclima unico, di un lavoro faticoso, attento, certosino da parte dell’uomo e di un limitato apporto tecnologico. L’intero processo produttivo dura almeno 3-4 mesi.

01

La raccolta delle uve Zibibbo per l’appassimento inizia dopo il 15 Agosto.

02

Prima della stesura sui graticci per l’appassimento i grappoli sono attentamente puliti per eliminare gli acini danneggiati o non maturi.

03

Il processo di appassimento naturale al sole e al vento, dura 3-4 settimane e ha come obiettivo la concentrazione di zuccheri e di aromi.

04

In Settembre, in seguito ad una seconda raccolta, viene prodotto del mosto da uva fresca al quale viene aggiunta in più volte, durante la fermentazione, l’uva passa sgrappolata a mano (circa 70-75 kg ogni 100 litri di mosto). Durante la macerazione l’uva passa cede gli zuccheri, la freschezza (acidi organici) e tutti i propri colori aromi al mosto.

05

La fermentazione si conclude verso la fine di Novembre, quando il Ben Ryé raggiunge il suo proverbiale equilibrio. Segue l’affinamento in vasca e poi in bottiglia.


A tavola

A tavola

L'etichetta

Dall’arabo “Figlio del vento” perché il vento che soffia fra i grappoli è una costante a Pantelleria. Ed il vento dell’isola porta con sé un carico di profumi così intensi da poterli toccare. L’etichetta d’autore celebra l’amore, la cura e la fatica della viticoltura eroica su un’isola unica e affascinante. Un ritratto dolce ed avvolgente che ne svela l’essenza.

Scopri l'etichetta
Ben Ryè
Scopri l'etichetta